ITALIA IN THE WORLD é il primo Festival del Docufilm italiano nel mondo.

ITALIA THE WORLD é il primo Festival del Docufilm italiano nel mondo.

Un tributo alla RINASCITA del Paese con testimonianze, storie e progetti,documentate in soli 120 secondi, per rendere onore alla forza e all’impegno italiano contro la pandemia.

Storie di chi è sopravvissuto, di chi ha aiutato gli altri.

Testimonianze di chi ha avuto il coraggio di convertire la propria attività, l’azienda, la professione. 

Ma anche i progetti per studiare,socializzare e ripartire in modo nuovo.

Il Festival si é aperto con un contest dedicato alle videotestimonianze del rimpatrio dei connazionali accompagnate da live on line da tutto il mondo per gli SOS degli ITALIANI BLOCCATI ALL’ESTERO durante la pandemia da Covid 19 e dal Flash Mob #IoRientroACasa.

Motivo per cui il Festival annovera il Patrocinio del Consiglio Generale degli Italiani all’estero-Ministero degli Affari Esteri, del Comitato Tricolore Italiani nel mondo e della CSNA.

Tra gli altri 50 enti italiani all’estero, partner dell’iniziativa, anche Rai,gli Istituti Italiani di Cultura,le Camere di Commercio all’Estero, la Federazione Italiana Cuochi,la Federazione Italiana Trasporti,la Federazione Italiana Sport Equestri,Cinecittà World dove il 1* novembre si svolgerà la cerimonia di premiazione del VI trofeo GLOBO TRICOLORE con la regia del musical W L’ITALIA.

Per questa VI edizione del GLOBO TRICOLORE, Patrizia Angelini,direttrice artistica e fondatrice del Festival, ha ricevuto l’onoreficenza del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella.

link https://www.cinecittaworld.it/it/eventi/calendario-eventi/440/trofeo-globo-tricolore

 Presidente e Direttore del Festival

Dott.ssa Patrizia Angelini

(+39) 331 1950324

Direttore Comunicazione

Dott.ssa Patrizia Barsotti

(+39) 335 1242065

Giorno internazionale dei Lucani: anche il Cile ha la sua voce

Lucani di tutto il mondo festeggiano il loro giorno internazionale in cui si riscoprono e si rinforzano le radici comuni della loro bellissima regione italiana: la Basilicata

Anche i lucani residenti in Cile vogliono che le loro voci siano presenti e, per questo motivo, Radio Perché, @xke, del Comites de Chile, ha voluto rendere un meritato omaggio a tutti i lucani qui residenti o che qui sono nati senza però non aver mai dimenticato le tradizioni e l’amore per la loro Basilicata.

I Lucani del Cile salutano i conterranei del mondo

Para nuestro amigos hispanohablantes:

Lucanos de todo el mundo unidos para celebrar su día internacional

Los lucanianos de todo el mundo celebran su día internacional en el que se redescubren y fortalecen las raíces comunes de esta hermosa región italiana.

Incluso los Lucanos que residen en Chile quieren que se escuchen sus voces y, por esta razón, la Radio Perché@xke, del Comites de Chile, quería dar un merecido homenaje a todos los lucanos que residen en Chile o que nacieron aquí olvidarse nunca las tradiciones y la tradicióny el amor por su Basilicata.

En el día internacional de los lucanos del mundo, entregamos un afectuoso saludo desde Santiago de Chile a todo el resto de los lucanos en el mundo.

Trinidad Cruz Fabres de Rolle

Il Presidente del Comites del Cile, Claudio Curelli, e a nome di tutti i membri dell’Istituzione, vuole esprimere le proprie condoglianze al Consigliere e Tesoriere del Comites Patrizio Rolle per la scomparsa della sua cara mamma Trinidad Cruz Fabres de Rolle.

Lascia il marito, conosciuto e apprezzato medico, e quattro figli. Nella sua vita si é sempre adoperata per tutto quello che poteve in qualche modo favorire gli italiani del Cile e che si volevano installare in Cile.

Donna molto legata alla sua famiglia e al suo ruolo di moglie, di madre e infine di nonna che comunque ha saputo ben bilanciare con la sua attivitá lavorativa nel campo del turismo.

il prossimo 26 maggio avrebbe compiuto 94 anni.

“Presenza, quindicinale della Comunità”: edición número 1000

“Presenza, quindicinale della Comunità”: edición número 1000

En Santiago, Abril de 2020,
Sig. Cav. Claudio Massone
Direttore Quindicinale Presenza
Sede

Egregio Direttore, Carissimo Claudio,
El número mil de Presenza será impreso en condiciones tan particulares como especial es el hecho que un medio de las características de nuestro Quindicinale della Colletivittá Italiana in Cile cumpla y publique el número mil, fruto de una trayectoria que por décadas ha acompañado nuestra vida de italianos en Chile.
Trabajar en el ámbito de Comunidad Italiana de Chile, tiene que ver con un apostolado hecho de voluntariado, amor por Italia y por sobre todo de respeto por el legado de los que estuvieron antes que nosotros afrontando las encrucijadas que mantienen viva y en conexión el sentir de italianidad de cada uno de nosotros con esa Patria lejana.
La Comunidad Italiana de Chile se constituye de un variado y rico número de instituciones y en todas ellas se vive y refleja este sentimiento de conexión con la responsabilidad de ser los herederos de un legado más grande que la suma de todos nosotros.
Bomberos Italianos en todo Chile, Muttuo Soccorso Italia e L’Umanitaria Riunite, Escuelas Italianas en todo Chile, Clubes Deportivos, Círculos Italianos, Asociaciones Regionales, Comité para los Italianos en Extranjero COMITES – CGIE, son sólo una muestra no exhaustiva que pretende representar al por lo menos un centenar de instituciones y agrupaciones, en general, entes italianos de Chile. Presenza no es la excepción. Se trata de nuestra publicación que por más de medio siglo, ha sido testigo de la vida de todos nosotros pertenecientes a esta comunidad, una de las más lejanas geográficamente de la Italia física. En Presenza la devoción por el
trabajo ha tenido nombre y apellido en el Reverendo Padre Giuseppe Tommasi (Q.E.P.D.) que por tantos años dirigió y la encarnó en nombre de La Congregazione dei Missionari Di San Carlo, nuestros queridos padres Scalabriniani.
Hoy la posta de la dirección de Presenza está en manos del amigo y Cav. Claudio Massone quién conduce con generosidad y sabiduría nuestro Quindicinale por los particulares momentos que a todos nos toca vivir. A Claudio y todo su equipo reiteramos la permanente y total disponibilidad de nuestro COMITES de Chile a colaborar en lo que estimen pudiéramos ser de beneficio en la ardua tarea que significa un medio de comunicación.
Al terminar estas palabras deseo expresar especialmente en el amigo Claudio Massone y, a través de su gentil intermedio a todos quienes hacen posible Presenza, el sentir mio personal y de la entera colectividad italiana de Chile representada pluralmente en nuestro COMITES, este sentimiento no es otro que el de inmensa gratitud por
el importante trabajo que realizan.
Con la cordialidad de siempre y deseando que este número mil sea el primero de muchos,
Claudio Curelli
Presidente Comité para los Italianos en Extranjero -COM.IT.ES.- Chile

Funzionamento dei COMITES: al via le sedute telematiche

In occasione dell’emergenza coronavirus, il Ministero Affari Esteri (MAECI) ha consentito che i COMITES possano avviare la procedura telematica per svolgere le sedute plenarie di comitato con totale validità legale.

Comunque saranno rispettati tutti i requisiti e formalità che la legge prevede per le sedute presenziali. Si renderanno necessarie comunque delle modifiche ai regolamenti interni e l’ulteriore formalizzazione del provvedimento da parte del Ministero che verrà pubblicizzata su questo stesso sito.

Hogar Italiano (Santiago): Comunicato solidale del Segretario Generale Schiavone CGIE

Transcribimos a continuación el comunicado de prensa emitido por el Secretario General del Consejo General para los Italianos en el Exterior Michele Schiavone a raíz del brote coronavirus en el Hogar Italiano de Santiago de Chile.

Continúa leyendo Hogar Italiano (Santiago): Comunicato solidale del Segretario Generale Schiavone CGIE

Comites solidale con Hogar Italiano

Leer en español al final de esta pagina

Il Coronavirus miete due vittime fra gli casa ospitati nella casa di riposo “Hogar Italiano“, situata in Calle Holanda, nella Comuna di Ñuñoa, causando le prime vittime. Sono in tutto 18 le persone infettate oltre a sei funzionari.

La notizia è di ieri venerdì 10 aprile e da subito ha suscitato apprensione da parte della Comunità Italiana presente sin Cile. Pieno appoggio alla Casa di riposo è stato dato dalle autorità sia cilene che italiane, cosí come spiegato da @radioxke nel servizio corrispondente a questo increscioso caso.

Il Comites, nella persona del suo Presidente Claudio Curelli si è subito reso disponibile per assistere la tanto amata Istituzione italo cilena per ogni eventualità, mettendosi in contatto telefonico con la direzione dell’Hogar Italiano.

Il Presidente del Comites Claudio Curelli con l’Ambasciatore d’Italia Mauro Battocchi (a sinistra)

Curelli ha sottolineato che: “Il Presidente del Comites è solidale con la Presidente della Società Femminile di beneficenza Paula Aguiló. Per questo esprimo tutta la mia solidarietà, come persona e come Presidente del Comites. Non posso far a meno che sottolineare il riconoscimento all’importante lavoro di volontariato che svolgono le direttive della Società nel tenere in piedi una della istituzioni più antiche e importanti della comunità italiana di Santiago“.

L’ Ambasciatore d’Italia Mauro Battocchi e la missione diplomatica stanno monitorizzando la situazione.

Oggi i funzionari della sanità della Comuna di Ñuñoa provvederanno alla sterilizzazione dei locali.

Para nuestros amigos de idioma español:

El Coronavirus cosecha dos víctimas entre las casas alojadas en el hogar de descanso “Hogar Italiano”, ubicado en la Calle Holanda, en el municipio de Ñuñoa, causando las primeras víctimas. En total, 18 personas están infectadas, así como seis funcionarios.

La noticia fue ayer viernes 10 de abril e inmediatamente despertó el temor de parte de la comunidad italiana presente desde Chile. Tanto las autoridades chilenas como las italianas brindaron pleno apoyo al asilo de ancianos, según explicó @radioxke en el servicio correspondiente. caso desafortunado

Los comités, en la persona de su presidente Claudio Curelli, se pusieron inmediatamente a disposición para ayudar a la muy querida institución chilena italiana para cualquier eventualidad, comunicándose por teléfono con la dirección del Hogar italiano.


Curelli enfatizó que: “El Comites de Chile es solidario con la Presidenta de la Sociedad de Caridad Femenina Paula Aguilló. Por eso expreso toda mi solidaridad, como persona y como Presidente de Comités. No puedo evitar subrayar el reconocimiento del importante trabajo voluntario llevado a cabo por las directivas de la Compañía para mantener en funcionamiento una de las instituciones más antiguas e importantes de la comunidad italiana de Santiago “.

El Embajador italiano Mauro Battocchi y la misión diplomática están monitoreando la situación.

Hoy los funcionarios de salud del Municipio de Ñuñoa santificarán las instalaciones.

http://xke.cl/index.php/2020/04/11/covid-19-colpisce-duramente-hogar-italiano/

Ministro Luigi Di Maio: gran trabajo de los Organismos que representan a los italianos en el extranjero

Con una carta dirigida al Secretario General del Consejo para los Italianos en el Extranjero (CGIE) Michele Schiavone, el Ministro de Asuntos Exteriores Italiano Luigi Di Maio ha dirigido palabras de reconocimiento y gratitud a los entes y organismos representativos de los italianos residentes en el exterior, como son los COMITES (Comités para los Italianos en el Mundo).

En la misiva subrayó que en la próxima maniobra economica la Presidencia del Consejo está planeando mayores fondos para ir en ayuda de los conciudadanos en el exterior, en el marco de la emergencia coronavirus.

El ministro de el Exterior Italiano he reconocido la importancia de estas Instituciones que permiten de estar presente en el exterior como Estado, y trabajar codo a codo con los italianos del mundo.

Marco Maria Scotti

COMITES e CGIE del Sudamerica insieme per affrontare l’emergenza coronavirus

Ieri 33 partecipanti tra Presidenti, Membri COMITES, Membri del CGIE compresi il Segretario Generale CGIE Michele Schiavone ed il Vice Segretario Generale Mariano Gazzola, si sono incontrati in videoconferenza. Il fine era quello di coordinare e condividere le loro esperienze volte all’offrire il sostegno e la collaborazione di entrambi gli Istituti di rappresentanza degli italiani all’estero di fronte all’emergenza Coronavirus che sta provocando un dupplice colpo alle colletittá italiane nel mondo.

Presente anche il Presidente del Comites del Cile Claudio Curelli al quale è stato riconosciuto e apprezzato lo sforzo comunicativo che la Radio del Comites del Cile, @radioxke, sta facendo in questi momenti dove sia in Cile che in Italia le persone hanno bisogno d’informazioni ma soprattutto di una web che non li faccia sentire soli e isolati.


Importanti novità ed aggiornamenti dal punto di vista operativo che riguardano la normativa dei Comites sono state comunicate per agevolare e favorire la tempestiva operatività dei diversi Comites del mondo ed in particolare del Sudamaerica.

Marco Maria Scotti

Solidarietà per i nostri connazionali in Italia

Il Direttore Generali per gli Italiani all’Estero Luigi Maria Vignali si è congratulato per la disponibilità con cui gli Organismi rappresentanti gli italiani all’esteri CGIE e COMITES abbiano accettato di partecipare e divulgare indicazioni utili per poter dare un apporto economico per i nostri connazionali in Italia.

Direttore Luigi Maria Vignali (a destra nella foto) con il Senatore Pier Ferdinando Casini

Il Direttore Vignali, nel corso di una videoconferenza tenutasi venerdì scorso, ha infatti segnalato che la Protezione Civile ha attivato un conto corrente bancario dove far confluire le donazioni.

I dati del conto corrente sono:
Banca Intesa San Paolo Spa, Filiale di Via del Corso,226 – Roma
Intestato a Pres. Cons.Min.Dip.Prot.Civ.
IBAN: IT84 Z030 6905 0201 0000 0066 387
BIC: BCITITMM
Causale: COVID 19

Inoltre Vignali ha sottolineato che è anche possibile inviare fondi a banche autorizzate nelle singole regioni italiane secondo le necessità locali. Oltre a specifici Istituti di ricerca, ricovero e cura.

En Español:

El Director General para los italianos en el exterior, Luigi Maria Vignali, felicitó la disponibilidad con la que los organismos que representan a los italianos en el extranjero CGIE y COMITES han acordado participar y difundir información útil para poder contribuir económicamente a nuestros compatriotas en Italia.

El Director Vignali, durante una video conferencia celebrada el viernes pasado, informó que la Protección Civil ha activado una cuenta corriente bancaria donde fluirán las donaciones.

I dati del conto corrente sono:
Banca Intesa San Paolo Spa, Filiale di Via del Corso,226 – Roma
Intestato a Pres. Cons.Min.Dip.Prot.Civ.
IBAN: IT84 Z030 6905 0201 0000 0066 387
BIC: BCITITMM
Causale: COVID 19

Además, Vignali destacó que también es posible enviar fondos a bancos autorizados en las regiones italianas individuales de acuerdo con las necesidades locales. Además de institutos específicos de investigación, hospitalización y atención.

Marco Maria Scotti

Pompa Italia tiene nuevo Director

Con carta fechada ayer el Presidente del Comites de Chile Claudio Curelli saluda a toda la familia “oncina” que forma parte de la Undicesima Compagnia di Pompieri Pompa Italia “Italica Gens” a raíz de la elección de nuevo Director que recayó en el Sr. Mauricio Repetto, bombero de larga trayectoria en diferentes e importantes cargos de la institución.

Reproducimos a continuación la carta:

nel ringraziare vostra gentile comunicazione riguardo l’elezione che ha rinnovato la carica del vostro Sig. Direttore, e che ha portato a questa importante responsabilitá al Sig. Mauricio Repetto, il Comites del Cile, nella voce di questo Presidente, rappresentando il proprio sentire e quello dell’intera colletivittá italiana del Cile, vuole congratularsi col Direttore Repetto ed augurargli il meglio nell’esercizio delle sue importanti funzioni e chiedendo gentilmente di allargare questo saluto all’intera famiglia facente parte di Pompa Italia, istituzione che inorgoglisce la nostra Comunitá.

Con affetto,

Claudio Curelli

Segretario Generale CGIE Schiavone: “Ora incentivare il Sistema Paese nel Mondo”

En los momentos cruciales que vivimos los italianos en Italia y fuera de ella, el Secretario General del Consejo General para los Italianos en el Extranjero, Michele Schiavone, dirige a través de los COMITES del Mundo un especial saludo a los connacionales en el extranjero con un mensaje de trabajo a sus instituciones y representantes.

In questi giorni in cui nel parlamento italiano si stanno costruendo le misure per sostanziare i decreti “cura Italia” e quello del 6 aprile per il credito e il sostegno alle imprese, il Consiglio generale degli italiani richiama l’attenzione del Governo sulla realtà degli italiani all’estero.

L’emergenza sanitaria causata in tutto il mondo dal COVID-19 ha bloccato la vita ordinaria in quasi tutti i paesi, costringendo anche le comunità italiane stanziali ad adeguarsi alle nuove normative restrittive per contenere la diffusione del virus. Ovunque nel mondo riecheggia il motto coniato in Italia: “Io resto a casa, andrà tutto bene”.

Questa triste esperienza ha fatto riemergere nei nostri connazionali i sentimenti di appartenenza alla nostra patria assieme al rispetto e all’amore degli italici verso il più bel Paese del mondo.

Anche in questa circostanza gli italiani all’estero, benché impediti e sopraffatti dalla sofferenza fisica, sociale, economica collettive, che soffocano il bel pensiero e ne scalfiscono gli umori, non hanno fatto mancare gli slanci di solidarietà verso le regioni, le strutture ospedaliere e la protezione civile italiana dando vita a spontanee e ingenti raccolte di fondi, favorendo l’invio di materiale sanitario verso il nostro Paese.

IL LAVORO NEI CINQUE CONTINENTI

Nei cinque continenti si sono organizzati ed hanno concorso sia a promuovere il rientro di migliaia di turisti italiani bloccati in aeroporti o luoghi di fortuna, sia dei cittadini italiani domiciliati temporaneamente all’estero; in alcuni casi hanno anche favorito la realizzazione di voli aerei per il loro rientro.

Intanto, la battaglia contro il virus continua; si direbbe a mani nude per contrastarlo sperando che la scienza riesca a debellarlo il più presto possibile e ritornare alla normalità. Ovunque ogni vita strappata alla malattia è una vittoria incoraggiante e speranzosa.

In giro per il mondo, purtroppo, abbiamo un’altissima percentuale di nostri connazionali in stato di povertà, di indigenza e bisognosa di aiuti la cui sopravvivenza e legata ad un esile filo di solidarietà. Il Consiglio generale degli italiani all’estero e i Comites sollecitano il governo e la cooperazione internazionale a preoccuparsi e a prendere in seria considerazione interventi straordinari, urgenti e mirati per far giungere loro aiuti immediati, anche di prima necessità.

IL SOSTEGNO ALLE NOSTRE ATTIVITA’

In Equador, in centroamerica, in Venezuela, nella Repubblica dominicana, in paesi dell’Europa dell’Est e dell’Africa la gente, e tra loro anche numerosi nostri connazionali, muore per mancanza di assistenza alimentare e sanitaria. Le immagini e la narrazione provenienti da questi posti sono inenarrabili.

In questi giorni in cui nel parlamento italiano si stanno costruendo le misure per sostanziare i decreti “cura Italia” e quello del 6 aprile per il credito e il sostegno alle imprese, il Consiglio generale degli italiani pone all’attenzione del governo la necessità di inserire nella manovra finanziaria anche interventi a sostegno e promozione delle attività degli italiani all’estero.

La potenza di fuoco finanziaria messa a disposizione dal governo italiano, dovrà immancabilmente produrre un gettito anche sugli

ingranaggi che tengono in moto il sistema paese e l’internazionalizzazione dell’Italia.

All’estero gli addentellati per farlo funzionare sono conosciuti ed hanno nomi precisi: camere di commercio, imprese, scuole, servizi pubblici, associazioni, organizzazioni del terzo settore e media alimentati dalla laboriosità di donne e uomini, che promuovono e fanno fiorire questo sistema; in mancanza di risorse finanziarie fresche i nostri connazionali rischiano di uscire dal mondo produttivo con ricadute regressive del sistema Italia.

Maggiore preoccupazione desta il destino di coloro che in molti paesi non godono di tutele lavorative, assistenza e protezione sociale in particolare nell’ambito della ristorazione e del turismo. La loro dignità e il loro futuro meritano un’attenzione e degli interventi straordinari, che il Consiglio Generale degli italiani all’Estero ha più volte segnalato al governo. Nell’emergenza le istanze vanno trattate ed affrontate doverosamente anche con le istituzioni sovranazionali e comunitarie, ipotizzando anche programmi adeguati per un reintegro nel mondo del lavoro in Italia.

Michele Schiavone

Segretario Generale del Cgie

Comitato per gli italiani all'Estero. Cile. Comité para los Italianos en el Extranjero. Chile.